Massimo charged his glass in a toast to friendship, “Ad amici e buon cibo.” While we didn’t understand what was said, we all smiled enthusiastically in agreement, intuitively knowing it meant “to friends and good food.”

The intense heat of the day had subsided, and in its wake the sun cast a golden glow over the rolling Tuscan hills and vineyard below. Seated at the patio table was Massimo’s wife Chiara, two young sons Andrea and Lucs and my adult children Alex and Pat. Their dogs Billba and Bamboo, scurried chaotically about, while Mia the cat kept them in check with a few timely swats. In the distance, Charlie Brown, the family pony settled in for another night, and the harmonic sound of cicadas rounded out the summer in Tuscany soundtrack.

This accidental private Italian family dinner would become the highlight of our trip.

20 minutes earlier Massimo had been taking a dip in the pool with his family, a restful end of day ritual on an evening off. And we had been barreling along a dusty Tuscan dirt road, heading inland from the coast after a day on the Adriatic Sea, anticipating a return to La Cicicchia Country House and a night out at the well- regarded restaurant. We had stayed at the country house, but an evening dining experience had escaped us. Evidently, we had failed to read the business hours while being seduced by the reviews online.

Four days previous, our families had never met, and yet here we were now seated for a private family meal in Tuscany.

Fate had brought us together initially when we discovered late in the day that our previous pension reservation was “permanently closed.” While most places in the area were full, the owner of a country house close by had taken pity on us, and managed to find us a room at La Cicicchia Country House after an exhaustive search.

Primarily a restaurant high upon the hill, the available guest room was all we could have hoped for, and all my hips could have wished for after camping three nights in the Dolomites on a yoga mat – a comfortable king-sized bed, air-conditioned room, spacious private bathroom, tasteful Italian décor, and a magnificent valley view beyond the opening shutters. Gob smacked, we smiled graciously, as Massimo greeted us that afternoon, making us at home with a fresh pulled Italian espresso and bottled water for our room.

We were yet to learn that the evening of our arrival, Fri July 27, 2019, was a total lunar eclipse over Europe. I had provisioned bread, cheese, prosciutto, olives, grapes and rose wine in town, for a casual late evening hillside dinner outside our room. We mused that the activity at the patio restaurant – the arrival of an MC, sound system and karaoke along with many tables decked out in white linen and well-dressed guests arriving at sunset, was for a private wedding reception. Later in the evening when Massimo brought champagne and breads, we discovered it was a special lunar eclipse viewing dinner, attended by reservation, due to the excellent viewing location. We then ordered more wine, and before we knew it we were singing and dancing with the locals until well after 1am.

The following two mornings and evenings, the dogs Bamboo and Billba would playfully come into our room, often followed by Mia, the cat. The playful chaos that ensued reminded us of being at home. And the breakfast of local fruits, yogurt, cheeses, prosciutto and croissants with Italian coffee each morning was the perfect start to the day.

My daughter and I were in the Cupramontanna area to attend the International Downhill Federation Verdiccio World Cup longboard race, which was also the Italian National Championship. My son, a previous Canadian champion, was there to compete. His photo, plastered all over town, had made him the poster boy for the event.

We stayed at La Cicicchia Country House two nights, and would gladly have stayed on if not for a previous reservation I had made in Anacona on the coast, with the intention of spending a couple days by the sea as a family after the competition.

And so it was, that we found ourselves drawn back to Agugliano that night. La Cicicchia Country House had felt like home. As we roared up the road in a now familiar dust ball, cutting through vineyard covered hills, the dogs greeted us with barks and wagging tails, like we were coming home.

But the disappointment was palatable at the sight of the gate’s closure. Soon enough, no doubt influenced by the kids and dogs communicating, Massimo opened the electronic gate and up we drove. He was wrapped in a towel, fresh out of the pool, and in broken Italian we explained our likely mistake about his restaurant hours. Without hesitation, he beckoned us to join them for a private family dinner, and before we knew it, we were on the patio drinking champagne and eating fresh prepared mussels. Steak Florentine would follow along with an Italian salad and breads, and several well selected and carefully decanted Italian red wines as the evening progressed, wrapping up with an Italian custard desert and a local liqueur.

Our Italian was limited at best. But over a three-hour meal, my daughter’s high school French seemed workable in deciphering translations, and my son, having spent previous summers in Europe, had a decent smattering of Italian vocabulary to his credit. This coupled with a lot of hand waving, smiling, guessing and head nodding, mixed with the Google translate app on my phone, and Massimo’s notes from having taken an English course 17 years previous, helped us hobble through an evening of conversation.

This Italian family dining evening turned into one of the most memorable events of our trip. That comment, when entered into my translate app at the end of the evening, was met with heartfelt hugs.

My attempts to offer payment for the dinner were denied, but Massimo eventually agreed to me being able to cover the wine. And in a further gesture of friendship, Alex retrieved an extra skateboard and some race wheels from the event, and offered it as a gift to the boys, along with a signed copy of the program poster. They were thrilled.

We learned that evening that language knows no barriers when there is a desire to communicate friendship. Truly the best travel memories are created through accidental circumstance.

If you go: La Cilicchia Country House (B&B La Cilicchia ), Contrada Colonne, 8 – 60020 Aguliano (An)  /  info@lacilicchia.it  /   www.lacilicchia.it  /  tel: 330549991  /  Or search B&B La Cilicchia for your desired dates on Bookings.com 



Booking.com

 

___________________________________________________________________________________

Articolo tradotto in italiano (Article translated to Italian)

Quando la lingua non conosce ostacoli all’amicizia: una cena di famiglia italiana in Toscana

Massimo ha caricato il suo bicchiere in un brindisi all’amicizia, “Ad amici e buon cibo”. Mentre non capivamo ciò che veniva detto, sorridevamo tutti entusiasticamente d’accordo, intuitivamente sapendo che significava “per gli amici e il buon cibo”.

Il caldo intenso della giornata si era placato, e sulla sua scia il sole proiettava un bagliore dorato sulle dolci colline toscane e sulla vigna sottostante. Seduti al tavolo del patio c’era la moglie di Massimo, Chiara, due giovani figli Andrea e Lucs e i miei figli adulti, Alex e Pat. I loro cani, Billba e Bamboo, scapparono caoticamente in giro, mentre Mia il gatto li teneva sotto controllo con qualche tempestivo schiaffo. In lontananza, Charlie Brown, il pony di famiglia si stabilì per un’altra notte, e il suono armonico delle cicale completò l’estate in Toscana con la colonna sonora.

Questa cena privata privata in famiglia italiana sarebbe diventata la parte migliore del nostro viaggio.

20 minuti prima, Massimo aveva fatto un tuffo in piscina con la sua famiglia, un rituale riposante di fine giornata in una serata libera. Eravamo incappucciati lungo una polverosa strada sterrata toscana, dirigendoci verso l’entroterra dalla costa dopo una giornata sul mare Adriatico, aspettando un ritorno a La Cicicchia Country House e una serata al ristorante ben considerato. Siamo stati in casa di campagna, ma un’esperienza culinaria serale ci era sfuggita. Evidentemente, non eravamo riusciti a leggere l’orario di lavoro mentre eravamo sedotti dalle recensioni online.

Quattro giorni prima, le nostre famiglie non si erano mai incontrate, eppure eravamo qui per un pasto privato in famiglia in Toscana. Il destino ci aveva riuniti inizialmente quando scoprimmo tardi che la nostra precedente pensione era “chiusa permanentemente”. Mentre la maggior parte dei posti nella zona erano pieni, il proprietario di una casa di campagna nelle vicinanze aveva avuto pietà di noi e riuscì a trovarci una camera a La Cicicchia Country House dopo una ricerca esauriente.

Principalmente un ristorante in cima alla collina, la camera degli ospiti era tutto ciò che avremmo potuto sperare, e tutti i miei fianchi avrebbero potuto desiderare dopo il campeggio tre notti sulle Dolomiti su una stuoia di yoga – un comodo letto king-size, con aria condizionata camera, ampio bagno privato, arredamento italiano di buon gusto e una magnifica vista sulla valle oltre le persiane. Gob sbuffò, sorridemmo gentilmente, mentre Massimo ci salutava quel pomeriggio, facendoci sentire a casa con un nuovo espresso italiano tirato e acqua in bottiglia per la nostra stanza.

Dovevamo ancora sapere che la sera del nostro arrivo, venerdì 27 luglio 2019, è stata un’eclissi lunare totale sull’Europa. Avevo messo a disposizione pane, formaggio, prosciutto, olive, uva e vino rosato in città, per una cena informale in collina a tarda sera fuori dalla nostra stanza. Abbiamo pensato che l’attività al ristorante del patio – l’arrivo di un MC, sistema audio e karaoke insieme a molti tavoli addobbati con lenzuola bianche e ospiti ben vestiti arrivati ​​al tramonto, era per un ricevimento di nozze privato. Più tardi, la sera, quando Massimo portò champagne e pane, scoprimmo che si trattava di una speciale cena di osservazione dell’eclisse lunare, alla quale partecipava la prenotazione, vista l’eccellente posizione di osservazione. Poi ordinammo altro vino e, prima che ce ne accorgessimo, stavamo cantando e ballando con la gente del posto fino a dopo le 1 del mattino.

Le due mattine e le sere seguenti, i cani Bamboo e Billba entrerebbero scherzosamente nella nostra stanza, spesso seguita da Mia, il gatto. Il caos giocoso che ne è seguito ci ha ricordato di essere a casa. E la colazione a base di frutta locale, yogurt, formaggi, prosciutto e croissant con caffè italiano ogni mattina era l’inizio perfetto per la giornata.

Mia figlia ed io eravamo nella zona di Cupramontanna per partecipare alla gara di longboard della Coppa del Mondo di Verdiccio International Downhill, che era anche il Campionato Nazionale Italiano. Mio figlio, un ex campione canadese, era lì per gareggiare. La sua foto, intonacata in tutta la città, lo aveva reso il ragazzo del manifesto per l’evento.

Siamo stati a La Cicicchia Country House due notti, e sarei felice di aver soggiornato se non per una precedente prenotazione che avevo fatto ad Anacona sulla costa, con l’intenzione di trascorrere un paio di giorni al mare come una famiglia dopo la competizione.

E così è stato, che ci siamo ritrovati ritratti ad Agugliano quella notte. La Country House La Cicicchia si era sentita come a casa. Mentre ruggivamo per la strada in una palla di polvere ormai familiare, tagliando colline coperte di vigneti, i cani ci accolsero con code e scodinzoli, come se stessimo tornando a casa. Ma la delusione era gradita alla vista della chiusura del cancello. Abbastanza presto, senza dubbio influenzato dai bambini e dai cani che comunicavano, Massimo aprì il cancello elettronico e noi guidammo. Era avvolto in un asciugamano, appena uscito dalla piscina, e in italiano spezzato abbiamo spiegato il nostro probabile errore riguardo le ore del suo ristorante. Senza esitazione ci invitò a unirsi a loro per una cena privata di famiglia e, prima che ce ne accorgessimo, eravamo nel patio a bere champagne e a mangiare cozze fresche preparate. La bistecca alla fiorentina avrebbe seguito con un’insalata e pane italiano, e diversi vini rossi italiani ben selezionati e accuratamente decantati come la sera progrediva, avvolgendo con un deserto di crema pasticcera italiana e un liquore locale.

Il nostro italiano era limitato al massimo. Ma nel corso di un pranzo di tre ore, il francese delle superiori di mia figlia sembrava funzionale a decifrare le traduzioni, e mio figlio, avendo trascorso le precedenti estati in Europa, aveva una discreta infarinatura del vocabolario italiano al suo attivo. Questo, insieme a un sacco di mani che sventolano, sorridono, indovinano e annuiscono, mescolato con l’app di Google Translator sul mio telefono, e gli appunti di Massimo dopo aver preso un corso di inglese 17 anni prima, ci hanno aiutato a zoppicare in una serata di conversazione.

Questa cena da pranzo famiglia italiana si è trasformata in uno degli eventi più memorabili del nostro viaggio. Quel commento, quando è entrato nella mia app di traduzione alla fine della serata, è stato accolto da un profondo abbraccio.

I miei tentativi di offrire il pagamento per la cena sono stati respinti, ma alla fine Massimo ha accettato di essere in grado di coprire il vino. E in un ulteriore gesto di amicizia, Alex ha recuperato uno skateboard extra e alcune ruote da gara dall’evento, e l’ha offerto come regalo ai ragazzi, insieme a una copia firmata del poster del programma. Erano entusiasti.

Abbiamo appreso quella sera che la lingua non conosce barriere quando c’è il desiderio di comunicare amicizia. Veramente i migliori ricordi di viaggio sono creati attraverso circostanze accidentali.


Subscribe To The Monthly
Carry On Queen Newsletter

Join our Mailing List to Receive the Latest Updates and the Option to Download Our "Packing Light Tips Sheet" .

You have Successfully Subscribed!